La Polizia ha arrestato a Palermo sei indagati di avere gestito una delle più fiorenti basi di spaccio nella zona dello Sperone, con un giro d’affari di 5mila euro al giorno. Tre sono in carcere e tre ai domiciliari con braccialetto. L’epicentro dello smistamento della droga, secondo quanto accertato dagli agenti del commissariato Brancaccio, è stato in via Di Vittorio, punto di riferimento per centinaia di “clienti” provenienti da altri quartieri della città e dalla parte orientale della provincia palermitana. Le telecamere della Polizia hanno registrato le immagini di tutti i nascondigli utilizzati dagli spacciatori per cedere le sostanze stupefacenti: sui tetti degli esercizi commerciali, in cavità naturali del terreno o addirittura calati dagli appartamenti attraverso tradizionali panieri, trasformati in contenitori di droga.

Rispondi