Un violento nubifragio si è abbattuto a partire da questa mattina su Santo Stefano Quisquina, nell’Agrigentino.
Le strade si sono trasformate in fiumi di fango. Per il momento non si segnalano danni a persone.

Il sindaco: “Non uscite da casa”

Il sindaco del piccolo comune, che conta poco più di 4mila abitanti, Francesco Cacciatore, alle 11:15 ha diramato tramite i social un annuncio nel quale si legge: “Invito la Cittadinanza a uscire di casa solo se strettamente necessario”.

“Il paese in ginocchio”

“Il nostro paese, soprattutto a causa dei mancati lavori di regimentazione delle acque piovane, che aspettiamo ormai da due anni, è in ginocchio”, dice il sindaco Cacciatore. “Ho più volte sollecitato, come amministrazione abbiamo pulito tombini e caditoie, ma la bomba d’acqua di oggi è stata davvero violenta”.

Paura sulla Palermo-Agrigento invasa dall’acqua del torrente Morello

Gravi disagi si registrano anche altrove. E’ esondato il torrente Morello, all’altezza dell’area industriale di Lercara Friddi. Impercorribile, su quel tratto, la strada statale S.S 186.

blogsicilia

Rispondi