L’onorevole Baldassare Gucciardi ha ricoperto la carica di Assessore alla Salute della Giunta Regionale Siciliana dal 16 luglio 2015 fino al 26.10.2015 e poi dal 04.11.2015 al 17.11.2017.

Con invito a dedurre, la Procura Regionale della Corte dei Conti ha contestato al Dott.re Gucciardi, unitamente ad altri personaggi di primo piano nell’amministrazione siciliana (Dott.ssa Lucia Borsellino, Avv. Ruggero Italo Razza, Dott. Salvatore Sammartano, Ing. Mario La Rocca, Avv. Ignazio Tozzo), una duplice ipotesi di danno erariale in pregiudizio della Regione Siciliana e relativa alle vicende dalla Fondazione Istituto G. Giglio di Cefalù.

Più nel dettaglio, il P.M. Contabile ha contestato al Dott. Gucciardi e agli altri soggetti sopra richiamati un presunto danno erariale (complessivamente quantificato in euro 621.656,00) correlato alla erogazione dei compensi per i componenti del C.D.A. della ridetta Fondazione a seguito della conclusione della sperimentazione gestionale pubblico – privata che aveva visto, tra gli altri, la partecipazione della Fondazione San Raffaele del Monte Tabor di Milano.

A dire della Procura Regionale, infatti, tali compensi sarebbero stati riconosciuti nell’ambito di un modello di governance illegittimo o, comunque, irragionevole ed antieconomico.

In particolar modo, il P.M. Contabile ha imputato all’On.le Gucciardi una quota del suddetto danno pari ad euro 97.286,74.

La Procura ha inoltre contestato all’On.le Gucciardi, alla Dott.ssa Lucia Borsellino, all’Avv. Ruggero Italo Razza, al Dott. Salvatore Sammartano ed all’Ing. Mario La Rocca una seconda voce di danno, di oltre 5.000.000 di euro, correlata ad una presunta duplicazione dei costi necessari al pagamento del personale sanitario inserito nell’organico dell’A.S.P. n. 6 di Palermo ma distaccato presso l’Istituto Giglio.

Infatti, secondo quanto sostenuto dalla Procura, le somme necessarie al pagamento del personale sarebbero state erogate ad entrambi gli Enti per la effettuazione della medesima prestazione.

Segnatamente, la Procura ha contestato all’On.le Gucciardi una quota del suddetto danno pari ad euro 1.794.485,25.

L’On.le Gucciardi ha dunque conferito mandato agli Avv.ti Girolamo Rubino, Lucia Alfieri e Massimiliano Valenza al fine di dimostrare l’infondatezza delle tesi accusatorie della Procura.

A seguito delle deduzioni difensive depositate dagli Avv.ti Rubino, Alfieri e Valenza la Procura Contabile ha delegato alla Guardia di Finanza l’effettuazione di un’ulteriore verifica istruttoria volta a verificare l’effettiva sussistenza della seconda voce di danno, legata appunto alla remunerazione del personale sanitario.

In adesione ai rilievi difensivi degli Avv.ti Rubino, Alfieri e Valenza la Guardia di Finanza, con apposita relazione trasmessa al P.M contabile, ha escluso che vi fosse stata una duplicazione di spesa.

Preso atto della relazione della Guardia di Finanza, la Procura Regionale della Corte dei Conti ha disposto la parziale archiviazione dell’On.le Gucciardi, che non sarà dunque chiamato a pagare a titolo di danno erariale l’importo di euro 1.891.771,99.

Viceversa, la Procura ha citato in giudizio l’On.le Gucciardi, unitamente alla Dott.ssa Lucia Borsellino, Avv. Ruggero Italo Razza, dott. Salvatore Sammartano e Ing. Mario La Rocca, relativamente alla ipotesi di danno erariale avente ad oggetto il pagamento dei compensi dei componenti del C.D.A. della Fondazione Giglio.

L’On.le Gucciardi ha dunque conferito un nuovo mandato agli Avv.ti Rubino, Alfieri e Valenza ai fini della difesa in sede giudiziale, in cui il convenuto dovrà rispondere per la sola posta di danno di 97.286,74 a fronte degli euro 1.891.771,99 contestati in origine.

Rispondi