L’AMMINISTRATORE DELEGATO CHE GESTISCE LA DISCARICA DI SICULIANA-MONTALLEGRO È SOTTO PROCESSO A GELA

In un servizio del giornale La Sicilia di oggi abbiamo letto che l’avvocato Giuseppe Panebianco, quando era commissario liquidatore dell’ATO rifiuti CL2 di Gela, avrebbe commesso dei reati di frode e turbativa d’asta per i quali è sotto processo. Attualmente il Panebianco risulta essere l’amministratore unico della Catanzaro Costruzioni s.r.l., la società che gestisce la discarica di Siculiana-Montallegro, al centro di un’inchiesta giudiziaria, culminata in un sequestro ed in un successivo dissequestro, in cui risultano indagati, presso il Tribunale di Agrigento, i fratelli Fabio, Lorenzo e Giuseppe Catanzaro, titolari e gestori della mega discarica in questione.

Il processo che si sta celebrando a Gela, riguarda degli appalti relativi alla gestione dei rifiuti. Oltre al Panebianco gli imputati sono dieci, compresi due ex sindaci di Gela.  Ieri è stato sentito un agente della Guardia di Finanza il quale ha dichiarato che, nel corso di una perquisizione, effettuata presso l’abitazione e l’auto dell’attuale amministratore unico della discarica della famiglia Catanzaro di Siculiana, gli sono stati rinvenuti 15 mila euro avvolti in una carta stagnola.

Rispondi