Il tribunale di Agrigento, accogliendo le tesi difensive dell’avv Antonina Scifo ha annullato l’iscrizione d’ufficio nella gestione autonoma dei commercianti come collaboratrice familiare effettuata dall’Inps in seguito ad accertamento ispettivo, emesso in capo ad una dipendente di una nota società agrigentina operante nel campo della ristorazione.
L’avvocato Scifo ha dimostrato che il detto accertamento ispettivo era illegittimo in quanto la dipendente era regolarmente assunta con contratto di lavoro subordinato e che l’Inps non aveva fornito alcuna prova atta a dimostrare l’insussistenza del rapporto di lavoro subordinato. Il giudice del lavoro condividendo, quindi, le tesi difensive dell’AVV Antonina Scifo ha accolto il ricorso annullando il provvedimento dell’Inps con la condanna dell’istituto alle spese processuali.

Rispondi