La Sicilia da lunedì 24 gennaio sarà zona arancione. Delusa la speranza di rinviare di una settimana le nuove restrizioni.

Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, alla luce dei dati del monitoraggio settimanale, ha firmato una nuova ordinanza che prevede il passaggio di Puglia e Sardegna in giallo e di Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Piemonte e Sicilia in arancione.

Anche sa la pandemia rallenta in Italia, ci sono regioni in cui i dati salgono ancora. Tra queste proprio la Sicilia che però essendo esattamente sulla linea di demarcazione fra i livelli delle due zone (gialla e arancione) sperava di restare in giallo anora una settimana e passare in arancione dal 31 gennaio.

Rt nazionale è in calo a 1,31

Secondo il report settimanale dell’Iss l’Rt nazionale è in calo a 1,31. Resta stabile il tasso di occupazione in terapia intensiva: è al 17,3% (rilevazione giornaliera del Ministero della Salute al 20 gennaio) rispetto al 17,5% della rilevazione al 13 gennaio. Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale sale al 31,6% (rilevazione giornaliera del Ministero della Salute al 13 gennaio) contro il 27,1% del 13 gennaio. Lo rilevano l’Iss e il Ministero della Salute nel monitoraggio settimanale, sull’andamento dei casi di Covid in Italia.

Aumento casi Covid rilevati con tracciamento

Rimane stabile il numero di nuovi casi non associati a catene di trasmissione (658.168 vs 649.489 della settimana precedente). La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti è in leggero
aumento (15% vs 13% la scorsa settimana). È in diminuzione la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (41% vs 48%) mentre aumenta la percentuale di casi diagnosticati attraverso attività di screening (44% vs 39%).

blogsicilia

Rispondi