L’eterna incompiuta dei lavori stradali lungo la Palermo – Agrigento, ammonimento della Regione: “Entro due mesi la conclusione delle opere, altrimenti rescissione del contratto”. Sono parole dell’assessore regionale alle Infrastrutture e Trasporti, Marco Falcone, che, insieme al collega di giunta, Toto Cordaro, ha partecipato ad un’apposita riunione con l’Anas a Villafrati. E’ stato un tavolo tecnico in presenza anche del contraente generale dei lavori, la Cmc, e dei sindaci interessati. Falcone afferma: “I progressi nell’immediato dovranno concentrarsi soprattutto nel tratto del viadotto Scorciavacche, inutilizzabile dal 2014, per riconnettere una viabilità resa disagevole e insicura dal prolungarsi all’infinito dei cantieri. Ci rivedremo sul posto, assieme ai sindaci, per tirare le somme. Nel caso il contraente generale non dovesse riuscire a invertire la tendenza neanche stavolta, la Regione chiederà ad Anas di procedere alla rescissione del contratto”.

Rispondi