L’Akragas pareggia 1 – 1 sul campo dell’Oratorio San Ciro e Giorgio Marineo. Ed è un pareggio che sta molto stretto alla squadra di mister Giuseppe Anastasi. I biancoazzurri hanno sfiorato più volte il gol del doppio vantaggio e dell’1-2. Il pari dei padroni di casa è arrivato su calcio di rigore con l’ex Cocuzza ad inizio di ripresa. Nel primo tempo l’Akragas ha sfiorato il vantaggio con Leonardi in acrobazia. Poi è Lukas Corner ad impegnare il portiere Ceesay con un bel tiro. Il Marineo non impegna mai Di Carlo. Al 32esimo, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Tuniz gonfia la rete con un tocco sottomisura. Vantaggio meritato per l’Akragas che non corre mai seri pericoli. Nell’intervallo il nervosismo la fa da padrona: espulsi Azzara e Yoboua. La ripresa inizia con il Marineo all’arrembaggio e gli ospiti pronti a colpire di rimessa. Doppia palla gol per Lavardera prima e Tuniz di testa dopo: Ceesay salva il Marineo. Il neo entrato D’Agostino supera Leonardi, contatto tra i due e l’arbitro Salerno di Catania assegna il rigore al Marineo che Cocuzza trasforma con freddezza. L’Akragas non demorde e torna ad attaccare con veemenza. Gran tiro di Prestia, deviazione di Procida e parata capolavoro di Ceesay che salva i padroni di casa. Poi nel finale Procida spinge alle spalle Prestia in area di rigore, il tocco è evidente ma l’arbitro ammonisce l’attaccante akragantino per simulazione. Nel finale Bognanni calcia dal limite e Di Carlo salva il risultato.

Rispondi