Ragusa 07.02.2022 In relazione alla notizia diffusa stamane da un’agenzia di stampa circa un’indagine a carico del direttore generale di BAPR, la Banca precisa che, diversamente da quanto lascerebbe intendere la nota, non è stato notificato alcun avviso di garanzia in relazione a nuove attività degli inquirenti, ma soltanto la richiesta di proroga delle indagini preliminari già commentate dalla Banca. Dal mese di giugno 2021, infatti, Banca Agricola Popolare di Ragusa sta attivamente collaborando con le autorità competenti affinché si arrivi in tempi rapidi ad un chiarimento, certi della correttezza e della trasparenza dell’operato dei vertici di BAPR e dell’Istituto stesso.

Rispondi