La Guardia di Finanza di Palermo ha eseguito un sequestro preventivo disposto dal Tribunale, su richiesta della Procura, per un milione e 35mila euro, a carico della società di spedizioni “Randazzo srl” di Carini. I titolari Giovanni Randazzo, 83 anni, e Salvatore Randazzo, 50 anni, sono indagati per reati tributari ed emissione di fatture false. Le indagini sono iniziate dopo una verifica fiscale. La società negli anni 2015 e 2016 avrebbe utilizzato fatture false per oltre 5 milioni di euro. Nel corso dell’ispezione fiscale sono emersi i rapporti intercorsi tra la società “Randazzo” e la cooperativa “Futura Trasporti”, cessata nel 2017, con la quale sarebbero stati stipulati contratti di appalto simulati per giustificare le prestazioni fornite da lavoratori già dipendenti della società di trasporti. In tal modo si sarebbe abbattuto il reddito imponibile della società “Randazzo”, concentrando sulla cooperativa tutti gli obblighi contributivi, previdenziali e assistenziali gravanti sul datore di lavoro. Sono indagati per emissione di fatture false anche i responsabili della cooperativa, Giuseppe Cacciatore, 47 anni, di Ficarazzi, Luigi Mezzatesta, 47 anni, di Bagheria, e Francesco Guerrera, 43 anni, di Palermo.

Rispondi