Il 16 agosto del 2016, lungo l’ex strada statale 1115 tra Siculiana e Montallegro, Samuele Miceli, 8 anni, di Siculiana, alla guida di un motorino sottratto al nonno, morì perché si schiantò contro un’automobile. Ebbene, adesso il giudice monocratico del Tribunale di Agrigento, Agata Anna Genna, con la formula “perché il fatto non sussiste”, ha assolto il conducente dell’automobile, Massimiliano Spataro, 53 anni, di Realmonte, imputato di omicidio stradale per avere mantenuto una condotta di guida imprudente, a velocità elevata e frenando in ritardo. Il difensore, l’avvocato Salvatore Maurizio Buggea, in base ad accertamenti tecnici eseguiti in dibattimento, ha dimostrato che è stato il motorino a invadere la corsia di marcia e che Spataro, che non ha superato il limite di velocità, non ha potuto nulla per evitare l’impatto”.

Rispondi