Roma 15 febbraio 2022

 

 

 

Egr. Dott. Mario Draghi

                                                               Presidente Consiglio Dei Ministri

                                                               Governo italiano

 

                                     Oggi ha vinto lei. Ho ceduto, dott. Draghi, purtroppo mi è mancato il coraggio, la determinazione e l’autorevolezza, la Fede per respingere il ricatto che mette a rischio il mio stipendio ed alla lunga il relativo contratto di lavoro, alla faccia dello statuto del lavoratori, delle sane lotte sindacali, (Non dei sindacati che hanno avallato senza vergogna la porcheria.). Posso resistere e resisterò comunque alla SEGREGAZIONE da autobus, treni, negozi, cinema, ristoranti, posso farne a meno, berrò il caffè nella mia tazzina di cartone da appestato, senza sedermi, tanto prima al tavolo del bar si parlava di politici ladroni, di calcio e di fica, ora si parla soltanto di virus. Intanto naturalmente continuerò a pagare le tasse e le bollette di gas e luce triplicate. Le chiedo anticipatamente scusa, non ho studiato dai gesuiti (Solo dai più periferici salesiani.), non ho fatto carriera alla Goldman Sachs, neanche come usciere, faccio l’operaio, mi sveglio ogni mattina alle 4’30 spaccandomi la schiena per otto ore al giorno, userò il suo lasciapassare solo per tutelare il diritto alla mia retribuzione, per difendermi da un abuso in contrasto con tutte le norme internazionali, anticostituzionale, lesivo della dignità umana e senza alcun nesso razionale sanitario. Mentre la solerte e frettolosa infermiera mi chiedeva il braccio, la Pfizer, con cui sono stato inoculato, licenziava nel suo stabilimento di Catania centosessanta persone, alla faccia del fatturato raggiunto ma ‘l’emergenza sanitaria’ ci impedisce di occuparci di tali ‘quisquiglie’.

  Il potere con me è già stato maligno e crudele accusandomi ingiustamente di essere un mafioso, chiudendomi al carcere duro per poi essere assolto in primo grado ed in Cassazione. La vita, la dignità, la professione maciullate in un tritacarne. Ferite recenti che non mi aiutano a fare ciò che sarebbe giusto, non cedere al suo ignobile ricatto.

  Chiedo scusa a chi invece ha la forza di resistere, ai miei colleghi che non hanno mollato, a chi ha il coraggio di mostrare il petto con dignità e fermezza difronte alla sospensione dal lavoro, a chi di conseguenza sta facendo lo sciopero della fame, a chi reagisce all’estorsione, a tutti gli indomabili cinquantenni.

  Mattarella di nuovo, per proseguire la continuità del regime pandemico, eletto dopo un po’ di ridicola manfrina con tanto di scatoloni che fanno avanti ed indietro da Palermo, un po’ di sceneggiata da dare in pasto ai giornalisti ed al popolo beota; ben noti gli ordini arrivati dall’alta finanza londinese e newyorkesee dalle  sue amiche Ursula e Christine. La normalità dell’alternanza sembra roba del secolo scorso, vinca la ‘destra’ o vinca la ‘sinistra’ il programma rimane lo stesso ed i partiti, che lei tratta come servi sciocchi, galleggiano. Copione già scritto, con Letta, sprezzante del ridicolo, che conserva la matita con la quale ha votato, facendo finta di non ricordare che aveva presentato una proposta di legge per vietare la rielezione del presidente. La democrazia, la libertà come partecipazione, il desiderio, la passione di essere protagonisti della vita sociale già prima di lei erano in profonda crisi. La politica, i partiti che ne sono il sale e l’alimento naturale sono relegati ai commenti su Internet, nel migliore dei casi ci si confronta a distanza ed allora il famoso distanziamento ha le sue radici ancor prima del virus-dragone. In Italia da anni abbiamo Presidenti Del Consiglio non votati dagli elettori, i partiti attualmente in parlamento, alcuni dopo aver fatto finta di protestare, si inchinano adoranti difronte a lei, IMPERATORE, assoluto nuovo monarca, l’unico in grado di guidarci, ‘l’uomo che il mondo ci invidia’ (Tranne i greci….., forse.): la finanza che si occupa della nostra salute, la liturgia mistica del vaccino e della mascherina mentre procede la sottile TRANSIZIONE COSTITUZIONALE per cui le norme eccezionali possono impunemente essere estese come un elastico per un definitivamente eterno stato d’emergenza. Con lei siamo passati dall’antipolitica di piazza, quella del comico-milionario-pluriomicida, all’antipolitica di palazzo

  ‘Invecchiate, non moltiplicatevi o fatelo il meno possibile, dividetevi più che potete, DISTANZIATI, niente abbracci e baci’, il mantra che lei ha ereditato ed ampliato, un ribaltamento dell’antropologia cristiana ponendo tutto ciò che non è umano al di sopra di ciò che è umano. Il suo ministro della transizione da anni teorizza che il pianeta è sovrappopolato, che l’essere umano è un parassita che consuma senza produrre nulla, che il pianeta, progettato solo per tre miliardi di persone (Lui lo sa meglio di Dio.), è sovrappopolato. Sostanzialmente siamo troppi. Anche lei cita spesso la parola resilienza, parola nuova, di gran moda, ingaggiata allo scopo di dare un senso compiuto, regale e nobile alle regole imposte per nasconderne tutte le criticità, edulcorare la verità.

  Alla normalità di prima non si torna, ci ricordano ora i suoi sodali, a prescindere dal virus-dragone: lo ha scritto chiaramente il suo ministro della disperazione(‘Tachipirina e vigile attesa’.), lo ha detto sulla Tv di stato il guru unto dal Signore Fabio Fazio (‘Ormai le mascherine continueremo a portarle per sempre, come in Corea.) facendogli eco l’altro guru, Gramellini, che su Il Corriere Della Sera ha scritto che avremo nostalgia delle mascherine ed a chi non ci sta ‘sarà resa la vita difficile’ (Il suo sottosegretario impinguato che gigioneggia nei salotti televisivi.).

  Al centro vaccinale mi sono sentito naturalmente fuori posto ed a disagio, pollo d’allevamento verso il marchio: prenotazione disponibile in un giorno, un’efficienza, un’organizzazione, una velocità mai viste nella sanità italiana. Le patologie pregresse segnalate sul modulo non hanno fatto né caldo, né freddo al medico preposto che non mi ha neanche guardato in faccia, braccio, punturina e via il prossimo. Una catena di montaggio per inoculare più in fretta possibile più gente possibile. Solo la soddisfazione di scrivere in un angolino del modulo che mi vaccinavo perché costretto e non perché convinto. Mi permetta allora di chiederle: se invece avessi dovuto prenotare una lastra urgente per un presunto tumore avrei lo stesso avuto la data in un giorno e se avessi avuto una pancreatite quanto avrei dovuto sostare in barella al pronto soccorso prima di essere visitato? Ancora, in piena emergenza sanitaria perché nel P.N.R. la sanità è all’ultimo posto?  Dott. Draghi, NON CI SONO RICATTI A FIN DI BENE. 

  Magari, senza la smania folle, il rituale occulto di sottomissione dei decreti giornalieri, senza l’ossessiva campagna mediatica monotematica, se non mi fossi sentito un untore, reietto, marginalizzato, criminalizzato, sbeffeggiato dai guitti del suo regime, senza soprattutto l’infame ricatto dello stipendio e del lavoro, avrei deciso di vaccinarmi lo stesso. Se fossi stato lasciato libero, LIBERO, forse lo avrei fatto in tranquillità e magari convinto. Sa, le mie precedenti vicende mi hanno insegnato che quando in televisione e sui giornali si parla troppo e troppo bene di qualcosa o di qualcuno, scattano automaticamente le antennine della diffidenza. La scienza vince quando convince, non quando costringee con me ha certamente perso. Se costretto mi viene il dubbio che non sia proprio per il mio bene ma per il bene di qualcu’altro. Il successo straordinario della campagna vaccinale che lei vanta nel mondo con il suo generale con la penna, dipende dall’ottusità, dall’omologazione televisiva, dalla paura e dal ricatto, al suo posto non ne sarei tanto fiero.

  Avete costretto i bambini ed i ragazzi a stare a scuola otto ore di seguito con la mascherina, respirando la propria anidride carbonica ed il proprio mocciolo, vaccinati, loro, ai quali il virus-dragone non fa niente, nulla di serio ed in aggiunta, qualcuno ci spiega che serve a difendere gli anziani; ammesso che abbia un senso, sacrifichiamo i giovani ed i bambini per tutelare i vecchi? Perché lei sa che le possibili reazioni avverse a lungo termine nessuno le conosce, proprio nessuno, solo Dio. UNA BESTEMMIA, un crimine. Quelli intorno ai quattro-cinque anni non ricordano più la vita prima del virus-dragone, come se fossero nati con la mascherina.Li avete costretti a far finta di far cadere la matita sotto il banco per respirare: NASCONDERSI PER RESPIRARE!

  Avete reso l’Italia il laboratorio politico in occidenteper testare il livello d’obbedienza ed assoggettamento di un popolo.

  Avete reso angoli delle città deserte e spettrali, avete convinto la gente a stare tappata in casa, con la paura dell’altro da tenere distanziato.

  Avete salvato quelli con lo stipendio sicuro (Io sto a casa.), i contratti a tempo indeterminato, gli statali, poverini, costretti a lavorare da casa comodamente in pigiama.

  Ci avete costretto a farci trapanare il naso tre volte la settimana, spendendo quasi duecento euro al mese per poter continuare a lavorare.

  Avete permesso che studenti universitari fossero autorizzati a controllare il lasciapassare dei loro colleghi in cambio di crediti.

  Avete irreggimentato un popolo evidentemente già gregge, avete diviso famiglie ed amici, complici indegni e servi  buona parte dei media ed un’assillante produzione normativa-burocratica.

  Avete convinto le persone a camminare solitariamente in un parco indossando la maschera o in bicicletta o in auto da soli quando invece respirare a pieni polmoni è la cosa più sana che si possa fare. Avete creato un popolo d’ipocondriaci depressi.

  Avete chiesto ai tabaccai, prima di venderci le sigarette dove c’è scritto che nuocciono gravemente alla salute, di controllare un documento che riguarda la nostra salute.

  Avete lasciato fuori dai centri d’accoglienza e di carità i poveri sprovvisti di lasciapassare.

  Avete permesso al suo consigliere Ricciardi di dire che ‘i diritti umani sono un premio che devi meritare’, I DIRITTI UMANI UN PREMIO? UN PREMIO?!?

  Avete criminalizzato la libertà di poter rifiutare uno pseudo vaccino americano, con la stessa faciloneria con la quale avete invece approvato ed esaltato il diritto ad uccidere il bambino nel grembo della madre o alsuicidio indotto.

  Avete fatto sentire eroi e santi quelli fieri della terza dose, in una bolla di fanatismo sanitario, i benepensanti, i cittadini modello, i veri cristiani fedeli al Vangelo, salvatori del mondo, razza eletta, superiore, con tanto di foto sorridente su facebook e la V sul braccio.

  Avete creato una razza inferiore da discriminare ed odiare e li avete chiamati novax, gli odiati che riempiono le terapie intensive, fanno lavorare troppo gli ‘eroici’ medici ed infermieri e rubano il posto agli altri malati.

  Avete liquidato come rincoglionito un premio Nobel per la medicina.

  Avete orchestrato l’ignobile pantomina del pericolo fascista, dei fascisti all’assalto della Cgil, per offrire ai sindacati un alibi per stare dalla vostra parte.

  Avete partorito persone, cittadini che se ricevessero l’ordine di andare in giro a quattro zampe lo farebbero. Paura, paura, paura, ingabbiati dentro una sottomissione che da sicurezza.

 Avete fatto arrivare a QUARANTACINQUE MILIARDI il fatturato del signor Bezos, grazie alle restrizioni ed alle chiusure, non lasciando un euro nel nostro paese per le scuole, le strade, i parchi, per la SANITA’! Negli ultimi tre anni il patrimonio dei cinquecento uomini più ricchi del mondo è cresciuto  di mille miliardi. O, come dicono nella sua Tv di stato dal Festival Di SanRemo, i poteri forti non esistono e BillGates e BigPharma sono benefattori dell’umanità?

  Avete fatto morire negli ospedali le persone da sole, SOLE, senza il conforto dei loro cari, senza una carezza finale, senza un PRETE!

  Ci avete costretto a scegliere tra la libertà ed i panini di McDonald, ben sapendo che avremmo scelto McDonald aggrappati all’ombrello di Altan.

  Avete creato il nuovo vitello d’oro, convincendo una Chiesa ormai scristianizzata a chiudere le chiese, a svuotare le acqusantiere per metterci l’amuchina. Avete creato parrocchiani zelanti, guardie con tanto di divisa con il compito di controllare che le mascherine siano tutte tirate su ma indifferenti al dovere di salutare il Padrone Di Casa appena si entra in Chiesa, agli ordini di presuli proni a leggi inique, proibendo l’esercizio della carità evangelica basilare (Visitare gli ammalati.):il super-mega-granduff pass che supera il potere sacramentale. Avete impedito ai preti non vaccinati di celebrare la Santa Messa, alcuni li avete minacciati di scomunica. Avete compromesso anche la mia coscienza di cristiano che osa domandarsi quanto e come, nella preparazione dei vaccini siano stati usati feti abortiti.

  Avete eletto i protocolli a Vangelo, validi per tutti, a parola unica, trascurando la cura personale, la medicina di territorio, di base, le specifiche condizioni di ognuno. Avete prorogato uno stato d’emergenza sanitario ingiustificato per meglio e più agilmente imporre i vostri soprusi.

  Avete inseguito  con i droni chi stava solitario in riva al mare a prendere il sole. Avete distolto i carabinieri dalle loro priorità per cercare tra i tavoli delle trattorie chi non è vaccinato.

  Avete sistematicamente sminuito o tenuto nascosti gli effetti avversi gravi e gravissimi inventandovi scudi penali e morali per cui non esistono responsabilità tranne che per il cittadino costretto.

  Avete medicalizzato le nostre vite, al contempo terrorizzandoci e ponendoci sotto il naso l’idolo della guarigione affidandoci ai virologi sacerdoti della nostra salute. Ci avete fatto dimenticare che la morte fa parte della nostra vita.

  Ci avete reso peggiori gettandoci in un clima d’odio, violento, disumano. Cosa ci state facendo diventare?!?!??

  Lei ha detto, testuale: ‘chi non si vaccina muore e fa morire  oppure ‘Il grenn pass è una misura con cui le persone possono continuare a fare le proprie attività con la garanzia però di ritrovarsi difronte a persone che non siano contagiose’, lei lo ha detto, lo ha detto! Lei immagina che senso di falsa sicurezza abbia potuto creare? Il non vaccinato più pericoloso degli stupratori, degli spacciatori, dei mafiosi, degli assassini, degli strozzini, degli stragisti. Un trattamento che un cane non sognerebbe di ricevere dal suo padrone.

  Il tutto solo in Italia, nonostante il dato ufficiale del novantacinque per cento di vaccinati. Dott. Draghi, ci spieghi, fino a quando? Anche quando rimarrà soltanto il sig. Giuseppe, a Genova, l’unico italiano non vaccinato, continuerete a dare la colpa a lui di tutti i mali del paese?

  Lei con me ha vinto ma grazie a Dio esiste una comunità di persone che ancora resiste anche aiutandosi vicendevolmente e solidaristicamente, che non subirà la sua estorsione.

  Mi perdoni ma la rabbia è tanta, come il senso di frustrazione e di abbandono. Per ulteriore chiarezza, non penso che il virus-dragone non esiste, semplicemente penso che non sia la peste bubbonica, né l’apocalisse, che se affrontato nel giusto modo, è curabile. Lei dovrebbe sapere che, come tutti i virus, continuerà a girare ancora per un po’ e che non è possibile azzerarlo completamente e che forse siamo ancora in tempo a provare a conviverci, con le precauzioni e la santa normalità che ognuno ritiene opportune, senza aspettare il compitino del governo,nella grandezza e bellezza della nostra vita esattamente come conviviamo con tutte le altre disgrazie che essa ci presenta. Si fermi dott. Draghi: mi permetto d’unirmi alla richiesta, alla preghiera che le ha fatto pochi giorni fa Susanna Tamaro: BASTA! Forse siamo ancora in tempo a salvare la rana dal bollitore, dall’abitudine alle catene ed alla solitudine. Si fermi, basta, davvero forse siamo ancora in tempo.

 

 

Carlo Guarany

  

 

Rispondi