Il giudice per le udienze preliminari del Tribunale di Agrigento, Micaela Raimondo, a conclusione del giudizio abbreviato ha inflitto 6 anni e 2 mesi di reclusione per la zia, e 6 anni per lo zio, entrambi di Naro, di un disabile di 33 anni, il quale sarebbe stato segregato in casa dagli zii, legato al letto con una catena alla caviglia e picchiato. Ai due, che sono stati i tutori del disabile, sono contestati i reati di maltrattamenti e sequestro di persona, e poi anche peculato perché si sarebbero appropriati di circa 65 mila euro del nipote.

Rispondi