“Ancora una volta al capomafia Aldo Ercolano è stato revocato il regime di massima sicurezza del 41 bis. Ancora una volta le ricorrenti preoccupazioni espresse in questi anni dalle Procure siciliane e dalla Direzione investigativa antimafia, che ritengono intatti ruolo e statura criminali di Ercolano dentro Cosa Nostra, sono state considerate irrilevanti. Ancora una volta, nell’attività di contrasto alle mafie, si applicano criteri, valutazioni e determinazioni in forte contraddizione tra loro. Mi auguro che il Ministro della Giustizia intervenga con gli strumenti che gli sono propri, perché restituire un capomafia del rango di Ercolano al circuito carcerario normale, ignorando le indicazioni contrarie espresse dalle DDA e sala DIA, rappresenta nei fatti un assist agli interessi di Cosa nostra.”
Lo dichiara Claudio Fava, presidente della Commissione regionale antimafia dell’Assemblea Regionale Siciliana.

Rispondi