Il governo di Mosca ha approvato oggi, lunedì 7 marzo, una lista di “Paesi ostili“, per aver applicato o per essersi uniti a sanzioni contro la Russia in cui compare anche l’Italia in quanto Paese europeo.

Lo riferisce l’agenzia stampa rusa Tass.

La lista, oltre naturalmente l’Ucraina, comprende:

  • Stati Uniti d’America
  • Paesi dell’Unione Europea
  • Gran Bretagna
  • Giappone
  • Corea del Sud
  • Australia
  • Nuova Zelanda;
  • Svizzera
  • Albania
  • Andorra
  • Islanda
  • Liechtenstein
  • Monaco
  • Norvegia
  • San Marino
  • Macedonia del Nord
  • Micronesia
  • Singapore
  • Taiwan

Secondo il decreto, lo Stato, le imprese e i cittadini russi che abbiano debiti nei confronti di creditori stranieri appartenenti a questa lista potranno pagarli in rubli.

 

Rispondi