La Corte d’Appello di Palermo ha ridotto da 4 anni a 2 anni e 8 mesi di reclusione la condanna a carico dell’imprenditore agricolo Giuseppe Marchese Ragona, 47 anni, di Canicattì, arrestato dai Carabinieri il 4 settembre del 2018 perché sorpreso in possesso di circa 50 chili di marijuana essiccata e 200 piantine alte oltre 2 metri.

Rispondi