Come pubblicato ieri, l’ex avvocato di Canicattì, Angela Porcello, sotto processo in abbreviato al Tribunale di Palermo nell’ambito dell’inchiesta antimafia Xydi, ha depositato una lettera tramite cui ha ribadito la volontà di collaborazione con la giustizia dichiarandosi del tutto affrancata dalla sua pregressa contiguità ad ambienti mafiosi. In proposito adesso interviene l’avvocato Giuseppe Scozzari, difensore della donna, che afferma: “Le dichiarazioni della mia assistita sono dirompenti, squarciano il muro dell’omertà e della compiacenza mafiosa. Si tratta di un atto di dissociazione e rescissione di straordinario coraggio. Nel silenzio del carcere ‘Pagliarelli’ le pesanti e forti parole di questa donna minuta l’hanno proiettata ad essere un simbolo di grande rottura per quanti oggi vivono e dimorano nelle zone grigie della mafia. Spero che lo Stato si accorga dell’importanza di questo gesto e non lo lasci cadere nel vuoto. La mafia si nutre di silenzi e connivenze, la mia assistita ha rotto questo muro omertoso e compiacente, che non può non avere un valore ed un significato”.

Rispondi