Ha consentito agli avventori di effettuare scommesse in un sito internet straniero, e non autorizzato in Italia, con l’utilizzo di 3 computer. Il gestore di un’associazione sportiva dilettantistica in provincia di Agrigento, è stato sanzionato con una maxi multa di 400 mila euro. Le apparecchiature sono state sequestrate, così come due videogiochi senza vincita in denaro privi delle targhette riportanti i codici identificativi.

L’operazione è stata portata a termine dai funzionari Agenzia delle Dogane e Monopoli di Palermo e di Agrigento, in collaborazione con i carabinieri del Comando provinciale della città dei Templii.

Rispondi