La Sicilia è maglia nera nella spesa per il personale di Regione e Comuni capoluogo. E’ l’unica Regione italiana a ricevere la ‘C’, il rating peggiore assegnato dalla speciale classifica elaborata per l’Adnkronos dalla Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica italiana, nell’ambito del progetto Pitagora, che esamina i costi sostenuti nel 2020 da Regioni e Comuni capoluogo. Dalla classifica, infatti, risulta fuori controllo la spesa della Regione Siciliana per voci stipendiali corrisposte al personale a tempo indeterminato, pari a ben 424 milioni e 921mila euro nel 2020. Seconda è la Sardegna con 132 milioni. Poi Lazio 122. Friuli Venezia Giulia 120. Campania 114. Valle d’Aosta 113. E poi, sotto la soglia dei 100 milioni di euro, vi sono Emilia Romagna 86, Piemonte 83, Toscana 74, Puglia 69, e Lombardia 65 milioni e 510 mila euro. Ancora in Sicilia si spendono per gli straordinari 4 milioni e 480mila euro. E per il personale a tempo determinato 12 milioni e 720mila euro.

Rispondi