Ridotta la condanna per la studentessa agrigentina coinvolta nell’inchiesta, sulla presunta compravendita di esami all’Università di Palermo. I giudici della Corte di Appello, hanno diminuito la pena a 3 anni e 6 mesi di reclusione nei confronti di Alexandra Rita Ntonopoulou, 37 anni, di Grotte, accusata di avere “comprato” sette esami del corso di Architettura. In primo grado era stata condannata a 5 anni.

Secondo l’accusa, tra il 2007 e il 2010 bastava pagare e nel piano di studi spuntavano esami mai sostenuti. Non c’era bisogno di presentarsi davanti ai docenti della facoltà di Economia e Commercio, Architettura e Ingegneria. Fino a quando la Squadra mobile non misero il naso nei segreti dell’Ateneo.

Rispondi