E’ stato appena pubblicato da Pietro Campo un libro sul tema della lotta alla mafia con particolare riferimento a vicende legate alla città di Canicattì. L’autore per primo tratta questi fatti a noi vicini con le modalità del genere letterario graphic novel. ——————————————————————————-Pietro Campo e’ un canicattinese che dal 1971 risiede a Brescia dove svolge l’attività di consulente del lavoro. E’ figlio di Diego Campo, per anni impiegato nell’Ufficio Anagrafe del Comune di Canicattì. Io ho avuto il piacere di conoscerlo a metà degli anni Sessanta allorché, dovendo scrivere la mia tesi di laurea sulle “Condizioni demografiche ed economiche del Comune di Canicattì” ebbi necessità di recarmi anche nell’Ufficio Anagrafe per documentarmi. —————————————————————————————- Fui accolto con grande cordialità dal signor Diego Campo e dal capo ufficio signor Pietro Di Puma. Allora non esistevano internet e altre analoghe tecnologie. Ma non era necessario: appena pronunciavo il nome di una persona che mi interessava, Pietro Di Puma e Diego Campo svelavano ogni dettaglio. ——————————————————————————————————A sera poi, insieme ad altri amici come Luigi Di Rocco, ci incontravamo al bar “La Lucciola” di corso Umberto ove gustavamo arancine piramidali davvero favolose. Il bar, gestito dallo storico barbiere Giuseppe Castiglione, era situato al piano terra di Palazzo Lombardo e si prolungava fino ai giardini prospicienti via Cesare Battisti. —————————————————————Erano serate gradevolissime, punteggiate dai motti e dalle battute, soprattutto, degli amici Di Puma e Campo. Ricordi molto belli. ——————————————————————————————————————-La pubblicazione di Pietro Campo e’ molto gradevole e di alto significato morale. Non potendo, per ovvi motivi, anticiparne il contenuto, mi permetto sottoporre alla vostra attenzione la mia nota introduttiva al volume. ——— Complimenti vivissimi a Pietro, con l’augurio che possa offrirci ulteriori frutti del suo impegno letterario e sociale.

Rispondi