Sono due cugini di Comitini, in provincia di Agrigento, Paolo e Nino Falzone, di 34 e 32 anni, i responsabili della strage del Carnevale di Strepy-Bracquegnies, un paesino della provincia di La Louvière, in Belgio. Un’automobile Bmw serie 5, con a bordo i due, è piombata sulla folla provocando 6 morti e 37 feriti, 10 dei quali in gravi condizioni. Le vittime, tutte di nazionalità belga, hanno cognomi di origini italiane, e non è dunque escluso che alcuni avessero la doppia cittadinanza: Mario Cascarano, sua moglie Micaela, e suo cognato Salvatore Imperiale, poi Frédéric ‘Fred’ Cicero, Frédéric D’Andrea e Laure Gara. Alla guida della Bmw è stato Paolo Falzone, e seduto accanto suo cugino Nino. Paolo, appassionato di corse, sui social sfoggia la sua Bmw nera, sfreccia ad elevata velocità mostrando il tachimetro, e si vanta delle imprese spericolate. Poche ore prima della strage, i due sono stati in discoteca. Sono stati arrestati.

Rispondi