Ad Agrigento, nel centro di meccanizzazione al Villaggio Mosè, si sono riuniti gli operai precari dell’Esa, l’Ente di sviluppo agricolo, in agitazione perché – spiegano – sono stati modificati i contratti prevedendo l’impiego degli operai precari dell’Esa per sole 30 giornate lavorative all’anno, e ciò in contrasto con precedenti accordi siglati con le organizzazioni sindacali di categoria. In proposito, le segreterie provinciali dei sindacati Flai, Fai e Uila, insieme ad una delegazione di operai, hanno incontrato al mattino di oggi il prefetto di Agrigento, Maria Rita Cocciufa, al fine di raffreddare la vertenza.

Rispondi