PALERMO – C’è un nuovo interrogatorio top secret. Gaetano Tafuri è tornato a rispondere alle domande dei magistrati di Palermo. Ha parlato delle pressioni ricevute dai politici, delle raccomandazioni e dei suoi rapporti con il presidente della Regione Nello Musumeci. Il verbale è stato secretato.

“Se mi volesse, non in questa sede, sentire io sono a sua disposizione”, aveva detto l’ex presidente dell’Ast al pubblico ministero che lo aveva interrogato la prima volta. L’inchiesta è la stessa che il 22 febbraio scorso ha portato all’arresto dell’ex direttore generale della società regionale dei trasporti, Ugo Fiduccia. La scorsa settimana c’è stata la seconda convocazione in Procura.Nell’inchiesta le vengono contestati due falsi, venuti meno al Riesame, ma è rimasta in piedi l’ipotesi di avere turbato la gara per la scelta del revisore contabile. Un’ipotesi grave, o no?
“Mi difenderò nel giudizio e non fuori dal giudizio. Le posso solo dire che i giudici hanno voluto vederci chiaro ed è giusto così, ma la situazione si è molto sfumata rispetto alla ipotesi iniziale. Io sono certo della correttezza del mio operato, ma preferirei non entrare nel merito dell’indagine sempre per rispetto per il lavoro della magistratura. Sono sereno. Non avevamo alcun interesse ad annullare la procedura. Non mi va però di apparire per quello che non sono, come colui che ha voluto tenere in azienda a tutti costi il dottore Fiduccia contro le indicazioni del governo e che difende il sistema delle assunzioni tramite una società interinale“.Il governatore Nello Musumeci, quando si è appreso dell’inchiesta, ha spiegato che “la Regione, con l’assessore al ramo Armao, è intervenuta più volte sul presidente dell’Ast, evidenziando le anomalie. Li abbiamo persino convocati. È stata la sola volta che ho incontrato il direttore dell’Ast Fiduccia. Qui a Palazzo, insieme col presidente Tafuri”. Sono queste le parole che non ha gradito?
“Sono stato io a mettere per iscritto alla Regione sei o sette volte la possibilità di cambiare il direttore generale e a chiedere di fare concorsi per evitare di ingaggiare lavoratori interinali. Non voglio fare lo scaricabarile, né puntare il dito contro nessuno, ma le mie richieste sono lì. Ce n’è una di febbraio 2021. Più volte le riunioni all’assessorato all’Economia si sono concluse con frasi del tipo ‘portiamo in Giunta la deroga per fare le assunzioni all’Ast’”.

https://livesicilia.it/ast-sicilia-tafuri-musumeci-raccomandazioni/

Rispondi