Big della politica nazionale e regionale, l’alta burocrazia della Regione e del Ministero dell’Economia, sono tra i testi del nuovo processo scaturito dall’operazione dei carabinieri denominata “Mare Monstrum”. Di fatto quella di stamane è stata la prima udienza del processo scaturito dal troncone principale dell’indagine, la cosiddetta “tangentopoli del mare” che, con gli arresti del maggio 2017, vide coinvolti gli armatori della Ustica Lines, poi Liberty Lines, Vittorio ed Ettore Morace. Dinanzi al Tribunale di Trapani tra i principali imputati ci sono infatti l’ex dirigente del Dipartimento regionale per la Mobilità e i Trasporti, Salvatrice Severino e l’ex sottosegretario , la senatrice palermitana Simona Vicari. L’indagine coordinata dalla Procura di Palermo e condotta dai carabinieri del nucleo operativo del comando provinciale di Trapani, riguardò direttamente la Severino dopo che le sue presunte malefatte a proposito dei controlli sull’erogazione dei contributi regionali per i collegamenti navali veloci e della stesura dei bandi di gara, tutto a favore degli armatori Morace.

Lo sviluppo delle indagini portò alle ipotesi di corruzione nei confronti dell’ex deputato regionale Girolamo Fazio (il processo è in corso oramai da qualche tempo dinanzi al Tribunale di Trapani) e anche lo stesso reato è stato contestato alla senatrice Vicari che con la Severino è imputata nel nuovo processo, al via da oggi dopo le questioni preliminari affrontate nelle precedenti udienze delle scorse settimane e affidato al collegio presieduto dal giudice Daniela Troja. Tutto questo mentre gli armatori Morace sono usciti dai dibattimenti, Vittorio, ex patron del Trapani Calcio, è stato riconosciuto impossibilitato a partecipare al processo per ragioni di salute, non luogo a procedere per riconosciuta irreversibile incapacità a partecipare al processo. Ettore, suo figlio, ha patteggiato in tutte e due i tronconi processuali. Nell’udienza di oggi il Tribunale ha dato incarico al prof. Genovese, di trascrivere le intercettazioni. Nel fascicolo processuale faranno comunque ingresso alcune delle intercettazioni già trascritte e depositate nel processo dove è imputato l’ex deputato Fazio.Si tratta delle intercettazioni che riguardano un altro imputato dell’odierno dibattimento, Giuseppe Montalto, ex segretario particolare del senatore Pistorio quando quest’ultimo guidava l’assessorato regionale per le Infrastrutture e per la Mobilità durante il governo del governatore Rosario Crocetta. Quest’ultimo è stato anche lui indagato, ma il suo procedimento è rimasto alla competenza del Tribunale di Palermo.

https://livesicilia.it/trapani-la-tangentopoli-del-mare-prima-udienza-del-processo-mare-monstrum/?refresh_ce

Rispondi