Lo ha definito un primo bilancio ma le sue parole sono protese al futuro, guardano alle prospettive del club che – parola di Giuseppe Deni – sono destinate ad essere rosee.

Il presidente dell’Akragas ha convocato gli operatori dell’informazione per fare il punto della situazione e togliersi qualche sassolino dalle scarpe. Ciò che più interessa ai tifosi agrigentini è che il club sta programmando il futuro in piena sintonia con il Comune di Agrigento. L’Ente ha fatto sapere che sta accelerando l’iter per l’avvio dei lavori di ristrutturazione e ammodernamento dello stadio Esseneto dotandolo del fondamentale impianto di illuminazione, essenziale per disputare campionati professionistici. Il presidente Deni si è detto fiducioso del rinnovato dialogo con l’amministrazione comunale per rilanciare il calcio in città.

“Siamo in corsa per la promozione in serie D attraverso i play off, dal Comune riceviamo segnali incoraggianti, i tifosi domenica scorsa ci hanno letteralmente emozionato per passione, presenza ed entusiasmo. Ci sono tutte le condizioni per crescere e posso garantire che non lesineremo sforzi. Con la società abbiamo deciso di rilanciare potenziando il budget per un premio ai giocatori in caso di vittoria dei play off. Siamo qui per portare in alto l’Akragas. Guardiamo al futuro con rinnovato entusiasmo e ottimismo. Adesso possiamo sognare in grande e vogliamo che si sappia”.

Dal presidente Deni anche uno sguardo al recente passato. Ha ringraziato l’ex presidente Sonia Giordano per il lavoro svolto ad Agrigento. “La signora Giordano l’anno prima che subentrassimo ha dato un notevole contributo, non è fuggita come qualcuno vorrebbe far credere ma ha semplicemente fatto delle scelte di natura professionale e familiare. Sonia Giordano gode della nostra piena stima e simpatia. Non è escluso che in futuro possa tornare a darci una mano”.

Ringraziamento per il direttore sportivo Giuseppe Cammarata. “La scorsa estate ha inizialmente ha faticato non poco per allestire una compagine di livello ma i risultati oggi danno ragione a Cammarata e merita il nostro plauso”. E poi, si è soffermato sull’ex tecnico Giuseppe Anastasi che in questi giorni ha rilasciato un’intervista nella quale ha parlato anche dell’Akragas. Deni ha voluto chiarire che Anastasi non è arrivato ad Agrigento tramite l’apporto di sponsorizzazioni bensì perché ritenuto un tecnico preparato e vincente. “E se oggi Anastasi viene ad Agrigento lo fa in virtù di una amicizia personale. Tengo a rimarcare che non è un uomo dell’Akragas ma un amico del presidente Deni. Sono due cose completamente diverse”.

L’allenatore dell’Akragas, oggi e in futuro, è Nicola Terranova. “Ha la nostra totale fiducia e la stima massima. Insieme al suo staff e alla squadra sta facendo un lavoro eccezionale. Grazie a lui sogniamo oggi la promozione in D e riteniamo di voler progettare il futuro insieme a lui per portare l’Akragas in alto. Con Terranova abbiamo aperto un ciclo”.   

Accanto a Deni in sala stampa il direttore sportivo Cammarata ed il dirigente Giancarlo Rosato. “L’avvocato è il valore aggiunto della nostra società – ha affermato Deni – e sono stato io a volerlo fortemente con noi. Nella stessa intervista ad Anastasi, seppur non facendone il nome, si faceva capire che fosse un elemento di disturbo degli equilibri societari. Lo smentisco categoricamente. L’avvocato Rosato non poteva essere un elemento nocivo perché nella nostra società, indipendentemente delle quote che rappresentiamo, agiamo sempre collegialmente, insieme a Callari non abbiamo preso una decisione senza prima coinvolgere i vari dirigenti Rosato, Bottone, Veneziano, Bruccoleri. Decidiamo all’unanimità e in piena sintonia. Non potranno mai esserci elementi di disturbo. Adesso però dobbiamo concentrarci sull’obiettivo. Ai tifosi chiedo di gridare tutti insieme forza Akragas e di riempire lo stadio. Dobbiamo crederci tutti insieme”.

Rosato ha ringraziato il presidente Deni per le belle parole. “Il valore delle parole sono direttamente proporzionali alla credibilità e alla serietà di chi le pronuncia. Nel caso che abbiamo trattato in questa conferenza stampa possiamo stare tranquilli che questo rischio non si corre. In futuro in questa società, in tutte le sue componenti, è escluso che ci possano essere persone umanamente e professionalmente scarsi. La scelta di Nicola Terranova è proiettata al futuro. Stiamo parlando di una persona perbene ed un tecnico preparato e dalle grandi motivazioni. Con lui ci toglieremo belle soddisfazioni”.

L’Akragas adesso si concentra sulla semifinale dei play off. Il direttore sportivo Cammarata ha annunciato che domani due componenti il club partiranno per il Molise per andare a seguire la gara Isernia – Agnonese. “Pensiamo solo al futuro dell’Akragas. Desideriamo realizzare il sogno del presidente Deni di approdare in serie D. A fine stagione mi riservo di dire di più in una apposita intervista”.  

http://www.obiettivoinformazione.it/index.php/sport/item/2108-l-akragas-pensa-in-grande-faremo-grandi-cose?fbclid=IwAR1NkQnas-1vEj4GbVX4iU53yCiw465fMj1DWblVpuusvxgUlqJG8pvE_5o

Rispondi