La Cassazione ha accolto un ricorso di Giuseppe Barranca, condannato a più ergastoli, in carcere da oltre 25 anni, detenuto nel carcere di Opera a Milano, anche per gli attentati di Capaci, di via dei Georgofili a Firenze, di via Fauro a Roma, e via Palestro a Milano. Lui, Barranca, come sancito dalla Suprema Corte, ha diritto al permesso premio se ha ottenuto la revoca del 41 bis e ha reciso i suoi collegamenti con la mafia. L’istanza volta a ottenere il beneficio è stata rigettata dal Tribunale di Sorveglianza, nonostante la revoca del 41 bis e il corretto comportamento mantenuto in carcere. Secondo quanto sottolinea la Cassazione nella relativa sentenza, la numero 19536, “è solo la proiezione attuale a recidere i collegamenti criminali e mafiosi e a non riattivarli nel futuro, in una prospettiva dinamica di rieducazione e recupero del detenuto, monitorata attraverso un esame a tutto campo della sua vita”. Il Tribunale di Sorveglianza invece ha ritenuto del tutto volontario il “silenzio non collaborante” di Barranca. E dunque, a causa della sua mancata dissociazione, ma anche dell’assenza di azioni riparatorie in favore delle vittime, è difficile ipotizzare l’interruzione del suo legame di appartenenza alla mafia”.

Rispondi