Nei 120 Comuni al voto per le elezioni Amministrative in Sicilia, l’affluenza è stata di appena il 27,61 per cento: la più alta a Maniace, in provincia di Catania, con l’85,47%. La più bassa ad Acquaviva Platani, nel Nisseno, con il 19,02%. Su 1.534.427 elettori aventi diritto, si sono recati alle urne in 425.236. E a Palermo l’affluenza definitiva ai seggi è stata del 41,89 per cento, oltre dieci punti in meno rispetto al 52,60% delle Amministrative precedenti del 2017. Sugli oltre dieci punti percentuali in meno avrebbe inciso anche il caos nella costituzione dei seggi a seguito della rinuncia di 174 presidenti, che ha causato pesanti ritardi nelle operazioni elettorali.

Si parte con il conteggio delle schede nei dieci comuni della provincia di Agrigento. Cominciano ad arrivare i primi aggiornamenti dai seggi che seguiremo in diretta con aggiornamenti live. 

Palma di Montechiaro

Il sindaco uscente Stefano Castellino risulta in vantaggio rispetto ai due sfidanti Manganello e Morgana: 2097 preferenze per Castellino, 172 per Manganello e 111 per Morgana.

Aragona

Dalle prime schede conteggiate risulterebbe in vantaggio il sindaco uscente Peppe Pendolino sullo sfidante Dino Buscemi

Sciacca

In vantaggio il candidato Termini in un serrato testa a testa con Messina. Staccato Mangiacavallo. I primi due orbitano intorno al 38-39%

Campobello di Licata

In vantaggio il candidato Vito Terrana di Alleanza Civica. Seguono Michele Termini e Andrea Mariani

Villafranca Sicula

Bivona

In vantaggio il sindaco uscente Milko Cinà con 331 voti mentre la sfidante Carola Calafiore ha 236 preferenze quando manca una sola sezione da scrutinare.

Rispondi