https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=2899042573486022&id=100001409227085&sfnsn=scwspwa

Petralia Soprana. Video-denuncia relativo ai liquami fognari ed ai veleni riversati nel fiume Salso. Siamo nelle Madonie, in uno dei paesi più suggestivi della Sicilia. Da tempo immemore il depuratore cittadino non funziona. L’inquinamento ambientale è davvero devastante e micidiale. Ai bordi del torrente, trasformato in una fogna a cielo aperto, diverse volpi sono state rinvenute morte, dopo essersi abbeverate. Nessuno riesce a far funzionare tale impianto che, oltre a continuare a provocare dei disastri ambientali, si rivela sempre di più una trappola mortale; non solo per gli animali, ma anche per gli abitanti ed i visitatori del territorio di Petralia Soprana. Si auspica, a questo punto, un risolutivo intervento da parte degli organi di controllo, per fugare le voci secondo cui questa situazione sembra irrisolvibile ed irreversibile. Questo disastro ambientale continua ad essere provocato, a quanto pare, non solo per una manifesta incapacità nel risolvere tale annoso problema del mancato funzionamento del depuratore, ma anche a causa di un ‘puzzolente’ compromesso, ed è proprio il caso di dirlo visto che parliamo di escrementi e reflui velenosi e maleodoranti. Compromesso che dura da molti anni e che ha come protagonisti alcune figure istituzionali che garantiscono questo mortale schifo ambientale, frutto di un altrettanto schifoso sistema che ha, come suo principale obiettivo, la salvaguardia e la conservazione di un potere che possiamo tranquillamente definire, un ‘potere di merda’.

Rispondi