Ci risiamo. La compagnia irlandese fa orecchie da mercante nei confronti di centinaia e centinaia di siciliani che avevano acquistato il biglietto prima dello stop ai voli per la Pandemia covid che ha investito l’Italia nel marzo del 2020. Molti telespettatori ci hanno chiamato perché non sanno più a quale santo rivolgersi visto che la compagnia è praticamente impossibile da contattare e che quando si richiedono io soldi indietro direttamente dal sito, dopo avere compilato apposito modulo, non arriva alcuna risposta. Inoltre, ci è stato detto, e lo abbiamo appurato, che quando si inseriscono gli estremi della prenotazione, il sistema risponde che i dati sono sbagliati, peccato, però, che i dati inseriti siano giusti. Raynair, non ha provveduto, in tantissimi casi, nemmeno a contattare i clienti per il voucher che in un primo momento si doveva quasi accettare per imposizioni del Governo italiano, una delle nefandezze di quel periodo. La gente non ha usufruito del volo non certo per proprie colpe, ha preteso la restituzione dei soldi, ma Raynair ha fatto finta di nulla. Alcuni, si sono rivolti a degli studi legali ad hoc e, qualcuno è riuscito nell’impresa di recuperarli. Noi da parte nostra nel raccogliere le segnalazioni di protesta le giriamo a chi di competenza, anche alle varie Procure siciliane, nella speranza che chiunque abbia speso dei soldi senza potere usufruire del volo, possa essere risarcito.

Rispondi