A Licata un giovane è stato controllato in automobile in strada dalla Polizia. Lui: “Non ho con me il contratto d’assicurazione”. Loro: “Lo porti in Commissariato al più presto”. Così è stato. Lui: “Eccolo”. La Polizia: “E’ falso”. Lui: “Ma come, l’ho pagato su internet. Mi hanno truffato. Mi ha telefonato un uomo. Mi ha mandato una email. Ho pagato, come abbiamo concordato, con una ricarica su una carta pre-pagata. E ho ricevuto il contratto tramite email”. La Polizia, anche con accertamenti informatici, è risalita al truffatore, un napoletano di 40 anni già con precedenti dello stesso genere. E’ stato denunciato dal commissario Cesare Castelli. Allo stesso modo un altro licatese ha pagato con un bonifico bancario ma non ha ricevuto l’assicurazione. Allo stesso modo i poliziotti hanno indagato. E hanno scoperto gli autori della truffa: un altro napoletano di 40 anni e un extracomunitario anche lui residente nel Napoletano. Entrambi con precedenti dello stesso genere. Denunciati per truffa aggravata.

Rispondi