I Carabinieri hanno ricostruito le fasi dell’agguato che a Palermo, in via Imperatrice Costanza, nel quartiere della Zisa, lo scorso giovedì mattina 30 giugno, ha provocato la morte di Giuseppe Incontrera, 45 anni, disoccupato con precedenti per droga. Sono stati sparati tre colpi di pistola alle spalle. Lui ha tentato la fuga, a bordo della sua bici elettrica, barcollando, e poi è caduto a terra ferito a morte. Le indagini, coordinate dal procuratore aggiunto Paolo Guido e dal reggente Marzia Sabella, proseguono a ritmo serrato. Ai rilievi tecnici, agli accertamenti balistici che confermerebbero che il killer solitario ha sparato tre volte contro Incontrera, si affiancano le acquisizioni giudiziarie che indicano Incontrera gravitante negli ambienti mafiosi di Porta Nuova. Uno dei più recenti pentiti, Alessio Puccio, cita il nome di Incontrera nell’inchiesta sui “Compro oro” che ha coinvolto ad aprile lo storico capo clan Luigi Abbate, conosciuto come “Gino u mitra”.

Rispondi