Settembre ormai si sa, è un mese fitto di eventi. Tra il Festival del Cinema di Venezia e la Settimana della Moda infatti, in questo mese le novità non mancano. La Milano Fashion Week 2022 fin dai primi giorni ha fatto intendere che il focus quest’anno è su innovazione tecnologica e sostenibilità.

La moda è da sempre uno specchio della società e quest’anno le tematiche più discusse sono state l’impatto critico e quasi irreversibile del cambiamento climatico, lo scoppio della guerra e la crisi del prezzo del gas che sta mettendo in ginocchio anche l’industria del Fashion e soprattutto la nostra dipendenza per la tecnologia dopo anni di pandemia. É chiaro quindi che questa edizione non sia uguale alle altre, vediamo come.

 

La settimana della moda cresce grazie allo streaming

 

La Fashion Week è simbolo di esclusività ed élite e seppur ogni anno questo evento riesca a bloccare l’intera città di Milano, solo pochi prescelti, grazie ad un invito, riescono ad assistere alle sfilate vere e proprie. Ma ormai negli ultimi anni il vento è cambiato e ora la moda è diventata sempre più accessibile a tutti, anche grazie all’uso della tecnologia.

Oggi infatti è possibile far parte della Fashion Week  non solo in italia ma anche all’estero solo utilizzando una connessione internet.

Vogue e YouTube hanno deciso infatti di rendere pubblica l’alta moda pubblicando sui propri portali le live stream delle sfilate più attese della stagione e anche la Camera della Moda Italiana che ha il compito di coordinare, controllare e promuovere la moda italiana nel mondo ha creato un sito che ha questo funzione. Insomma, la moda è diventata democratica.

Ma non finisce qui. Da quest’anno anche il colosso cinese TikTok entra a far parte della Fashion Week milanese e diventa partner della Camera della Moda.

Grazie agli hashtag ufficiali #ItalianFashion e #DietroLeQuinte anche i più giovani amanti della moda saranno in grado di seguire in maniera inedita gli eventi più importanti di questa stagione.

Ovviamente gli influencers avranno un ruolo fondamentale quindi aspettiamoci di vederne sempre di sulle più importanti passerelle!

 

La moda è Green o fa solo Greenwashing?

 

Come sopra menzionato, uno dei temi più scottanti del 2022 è stato il pericoloso cambiamento climatico. I consumatori ormai fanno sempre più attenzione all’acquisto di prodotti ecosostenibili e di conseguenza le aziende devono stare sempre più attente all’ambiente. Il settore della moda non è da meno, soprattutto perchè l’industria del Fashion è una delle più inquinanti al mondo. Tantissimi marchi si vendono ai consumatori come brand green ma lo sono veramente? O è solo un altro episodio di greenwashing?

Per ora sembra che moltissimi brand siano veramente eco-conscious ovvero attenti all’ambiente e lo dimostra il fatto che al Teatro La Scala, il 25 settembre si terranno i CNMI Sustainable Fashion Awards dove una sola tra le tante case di moda verrà eletta come marchio di moda più sostenibile del 2022.

Essere eco-friendly gioverebbe anche agli stessi brand. Le materie prime utilizzate nel settore della moda sprecano tantissima energia e quest’anno, dopo che il prezzo del gas è volato alle stelle, con un aumento di quasi il 30%, tantissimi brand, soprattutto quelli di piccole dimensioni, hanno rischiato di chiudere i battenti. Passare a fonti di energia più green e utilizzare materiali riciclati farebbe risparmiare non solo alle aziende ma anche al pianeta.

Le proposte finora sono sembrate molto interessanti, ma aspettiamo i prossimi giorni per vedere se la Milan Fashion Week 2022 potrà veramente definirsi la più innovativa ed ecosostenibile di sempre.

Fonte: https://internet-casa.com/news/fashion-week/

Rispondi