La Dia Direzione investigativa antimafia, su disposizione del procuratore reggente di Agrigento, Salvatore Vella, e del sostituto, Gloria Andreoli, ha sequestrato beni per un valore di 750mila euro ad una imprenditrice agrigentina, attiva nel settore dell’assistenza agli anziani e disabili, indagata per i reati di appropriazione indebita e auto riciclaggio. Gli investigatori della Dia, attraverso l’analisi di scritture contabili, libri sociali, movimentazione di rapporti finanziari e altri numerosi documenti, hanno accertato che le persone coinvolte nell’indagine avrebbero re-impiegato il denaro provento dell’attività illecita derivante dalla gestione di una società cooperativa onlus. Il provvedimento di sequestro comprende 10 immobili e 2 rapporti di conto corrente bancario.

Rispondi