Si terrà, domani, nel carcere di Agrigento, l’interrogatorio di fra’ Rosario Buccheri, il francescano che appartiene alla diocesi di Piazza Armerina, cappellano del carcere di Enna, arrestato dalla Polizia penitenziaria mentre consegnava un panetto di 80 grammi di hashish a un detenuto.

Il frate è assistito dall’avvocato Nino Grippaldi, del foro di Catania e dovrà rispondere al pm Domenico Cattano che guida l’inchiesta. La sua nomina a cappellano della Casa circondariale di Enna “Luigi Bodenza” sarebbe stata caldeggiata dai frati francescani del provinciale. Fonti interne alla diocesi raccontano che Buccheri appena arrivato ad Enna aveva ricevuto l’incarico direttamente dal vescovo, Rosario Gisana. Un incarico delicato che non aveva tenuto conto di una condanna, passata in giudicato nel 1992, per furto di materiale militare e di una recidiva mentre Buccheri era carabiniere. Per questo l’Arma lo aveva licenziato.

Rispondi