La Regione Siciliana ha dichiarato lo stato di crisi e di emergenza per i danni provocati dal maltempo a settembre e ottobre in numerose zone dell’Isola. Il provvedimento, firmato dal presidente Renato Schifani a seguito della relazione predisposta dalla Protezione civile, sarà valido per sei mesi. Nell’Agrigentino i Comuni interessati, oltre il capoluogo, sono Santa Margherita di Belice, Sambuca di Sicilia, Menfi, Cammarata, Comitini, Naro, San Giovanni Gemini e Sciacca. Il capo della Protezione civile regionale, Salvo Cocina, afferma: “Gli eventi meteo avversi nei giorni 25, 26, 30 settembre e primo ottobre e tra il 9 e il 13 ottobre sono stati caratterizzati da un flusso di correnti sud-occidentali che ha determinato importanti episodi piovosi associati in alcuni casi ad attività temporalesca, con conseguenti significativi effetti al suolo”. E il presidente Schifani prospetta: “Adesso, con la dichiarazione dello stato di crisi, attiveremo i primi interventi della Protezione civile e dell’Autorità di bacino per la messa in sicurezza dei torrenti e dei luoghi disastrati”.

Rispondi