Individuavano le loro vittime nei parcheggi di supermercati e ospedali: rovistavano nelle loro auto e, se le trovavano, facevano subito, sul posto, un duplicatole delle chiavi di casa. Poi pedinavano i loro ‘obiettivi per conoscerne le abitudini, utilizzando anche dei sistemi Gps installati nelle loro vetture. Quando erano certi che non ci fosse nessuno in casa entravano nelle abitazioni utilizzando il duplicato delle chiavi e le svaligiavano.

E’ la tecnica utilizzata da una banda di ladri sgominata da carabinieri della compagnia Piazza Verdi di Catania che ha arrestato tre uomini di 32, 55 e 59 anni. Nei loro confronti militari dell’Arma hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per associazione per delinquere finalizzata a commettere furti in abitazione.

La Procura di Catania contesta agli indagati sei furti e uno tentato che avrebbero fruttato loro, complessivamente, un bottino stimato in circa 23.000 mila euro. Le indagini erano state avviate dopo un furto in abitazione commesso nell’agosto del 2020.

Rispondi