La Procura di Palermo ha chiesto il rinvio a giudizio di 14 imputati di avere insultato sui social il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. L’udienza preliminare si svolgerà il 30 gennaio innanzi al giudice Walter Turturici. Sono stati incriminati alcuni post ingiuriosi pubblicati sulla pagina dell’associazione “Fiori d’arancio”, che aveva appena manifestato solidarietà al Presidente della Repubblica, bersaglio di infuocate polemiche per avere incaricato Carlo Cottarelli di formare il Governo. Gli inquirenti sono risaliti ai titolari degli account. I 14 sono di Palermo, Messina, Torino, Misterbianco, Florida e Chiaramonte Gulfi.

Rispondi