Il processo Montante bis rischia lo stop e il trasferimento di sede. Ne sono certi gli avvocati delle difese che hanno sollevato la questione legata alla nomina, decisa ieri, di Nicolò Marino a procuratore aggiunto di Caltanissetta.

Marino è parte civile al processo. È stato assessore regionale con delega ad Acqua, Rifiuti ed Energia del governo di Rosario Crocetta. Ritiene di essere stato vittima dell’ex leader di Confindustria Sicilia, Antonello Montante. Contro di lui sarebbe stato ordito un dossieraggio pur di fermare la sua azione politco-amministrativa che andava contro gli interessi di Montante.

La parte civile ha un ruolo decisivo in un processo. Gode, ad esempio, di un autonomo diritto di ricerca e di ammissione della prova, che si affianca all’iniziativa del pubblico ministero. Tanto che alla fine del dibattimento la parte offesa può chiedere la condanna dell’imputato.

Livesicilia

Rispondi