Giuseppe Deni, presidente dell’Imolesegiunto in rossoblù da due settimane, ha fatto il punto della situazione: “In questo momento ci siamo fatti un’idea più chiara della situazione anche a livello economico. Ritengo che De Sarlo sia persona per bene, ci siederemo ad un tavolo e ne parleremo. Troveremo una soluzione. Dal punto di vista sportivo? La squadra non sta facendo male, calcolando che è una squadra molto giovane. Noi siamo per la continuità dal punto di vista dell’ambito dell’area tecnica. Il calcio ha delle regole: se da qua a qualche giornata le cose non andranno bene interverremo sul mercato: riapre a gennaio ma se c’è bisogno vedremo. Ho visto giocare la squadra con il Padova e ho visto una squadra brillante, bisogna soprattutto in attacco finalizzare di più ed acquisire esperienza. Stiamo riflettendo: sicuramente, ad ora, direi che a gennaio valuteremo un arrivo per reparto“.

Anche con l’Ancona l’unico neo è stato il risultato: “C’è da recriminare sul risultato e non sulla prestazione, purtroppo sì e peccato di inesperienza. Agyemang ha preso doppio giallo non pensando magari anche ai propri compagni ma capita se sei giovane. Io credo che sia un diritto di crescita fare cose importanti e cimentarsi con la C. Io credo nei giovani“.

Con i tifosi c’è stata una accoglienza molto positiva: “I tifosi con me sono stati molto calorosi. Io vorrei portare l’esperienza dell’Akragas: andavano in 300 e dopo il mio arrivo sono diventati 4000. Vorrei vedere lo stadio di Imola pieno. Voglio lavorare con il territorio e con altre sinergie sportive. Lo sport deve essere a 360 gradi perché un veicolo importante per i giovani e per evitare la devianza minorile“.

Rispondi