A Campobello di Licata, il 9 agosto del 2015, un operaio di 40 anni, Antonio Lo Coco, impegnato nel sollevamento di una trave su di un cornicione, precipitò nel vuoto e morì sul colpo. Il Tribunale di Agrigento ha condannato in primo grado a 7 mesi di reclusione Ignazio Imbruglia, 56 anni, dirigente dell’impresa e responsabile della sicurezza sul lavoro. Poi la Corte d’Appello lo ha assolto. La moglie e i fratelli della vittima, tramite l’avvocato Salvatore Manganello, si sono rivolti alla Cassazione che ha annullato la sentenza d’assoluzione in Appello. La sentenza però è stata impugnata ai soli effetti civili. Dunque l’imputato è stato assolto definitivamente dalla pena detentiva ma dovrà risarcire i familiari.

Rispondi