IL PREFETTO DI AGRIGENTO ROMANO SCRIVE ALLA FONDAZIONE SCIASCIA PER ESERCITARE I SUOI POTERI DI CONTROLLO, A SEGUITO DEL RICORSO AL TAR DI FRANCESCO BONGIOVANNI RIGUARDANTE LA REGOLARITÀ DEL CONVEGNO SULLA GIUSTIZIA DEL 21 SETTEMBRE SCORSO

FONDAZIONE SCIASCIA – LA PREFETTURA DI AGRIGENTO APRE LE INDAGINI.
PERVENUTA LETTERA DEL PREFETTO DI AGRIGENTO A SEGUITO DEL RICORSO AL TAR DI PALERMO AVVIATO DALLA AVVOCATA TIZIANA TEODOSIO SU RICHIESTA DI FRANCESCO BONGIOVANNI.
I MOTIVI DEL RICORSO AL TAR ERANO L’OMESSO CONTROLLO DI PREFETTURA DI AGRIGENTO E DELLA REGIONE SICILIANA SULL’ATTIVITA’ DELLA FONDAZIONE SCIASCIA, E PER LA PRECISIONE LA VIOLAZIONE DELL’ART. 2 DELLO STATUTO DELLA FONDAZIONE RELATIVAMENTE AL PUNTO 2, PER VIOLAZIONE RIPETUTA.
PRECISAMENTE NEL RICORSO CHE TROVATE OVUNQUE NEL WEB, E ANCHE APRENDO IL LINK A PIÈ DI PAGINA, SI CONTESTAVA L’ORGANIZZAZIONE DI ALCUNI CONVEGNI A “SENSO UNICO” DOVE ALCUNI MAGISTRATI, COME IL PROCURATORE DI PALERMO DE LUCIA O IL GIUDICE CARDINALE, SI RECAVANO PRESSO I LOCALI DELLA FONDAZIONE A DENIGRARE SENZA CONTRADDITTORIO IL PENSIERO E L’OPERATO DI LEONARDO SCIASCIA.
IN PARTICOLARE IL DE LUCIA RIPETEVA PIU’ VOLTE ACCUSE NEI CONFRONTI DI LEONARDO SCIASCIA “SENZA POSSIBILITA’ DI CONTRADDITTORIO”. ACCUSE DEL TIPO  < SCIASCIA HA SBAGLIATO>.
L’AVVOCATA TEODOSIO HA ANNUNCIATO CHE SU RICHIESTA DI FRANCESCO BONGIOVANNI, DOPO AVERE PRESENTATO RICORSO DI URGENZA AL TAR, ADESSO SI PROSEGUE CON IL RICORSO NEL MERITO, PER EVITARE CHE LA FONDAZIONE SCIASCIA VENGA USATA COME LUOGO DI PROPAGANDA DA PARTE DI MAGISTRATI CHE ODIANO PROFONDAMENTE SIA LEONARDO SCIASCIA CHE TUTTI COLORO CHE SI RIFANNO AL PENSIERO SCIASCIANO.

F SCIASCIA Prefettura Agrigento – AG – Prot. Uscita N.0074821 del 02.10.2023

TAR AVV TEODOSIO – Ricorso cautelativo ante causam F. SCIASCIA