Disabile suicida in una Comunità a Naro: assolti gli imputati

Il giudice per le udienze preliminari del Tribunale di Agrigento, Iacopo Mazzullo, a conclusione del giudizio abbreviato, ha assolto i 5 imputati di omicidio colposo a seguito del suicidio di un disabile psichico di 66 anni avvenuto nell’estate del 2018 nella Comunità “Prometeo” a Naro. Si tratta degli allora responsabili della struttura Francesco Scanio, 64 anni, Giuseppina Galleja, 53 anni, Dores Alaimo, 47 anni, dell’operatrice Rosa Avanzato, 58 anni, e della psichiatra Carmela Fontana, 69 anni. Nel corso del dibattimento, avvalendosi anche di consulenze, è stato escluso un collegamento tra il suicidio e l’operato degli imputati, ai quali è stato contestato di non avere vigilato e assistito adeguatamente il suicida.