Bancarotta milionaria: condannati due racalmutesi

La Cassazione ha confermato la sentenza, emessa prima dal Tribunale di Agrigento e poi dalla Corte d’Appello di Palermo, di condanna, per bancarotta fraudolenta, a 4 anni e 6 mesi di reclusione per l’imprenditore di Racalmuto, Calogero Romano, 68 anni, ed a 2 anni mesi per il figlio Leandro, 38 anni. I Romano, in qualità di amministratori ed in prossimità del fallimento, avrebbero sottratto, con operazioni finanziarie fraudolente, beni per circa 3 milioni di euro da due imprese. Si tratta della Ierre e della Mediterranea Cavi.