Ospedale Canicattì: medico indagato di omicidio colposo

Il pubblico ministero di Agrigento, Maria Cifalinò, ha notificato l’avviso di conclusione delle indagini ad un medico di 62 anni in servizio al Pronto soccorso dell’ospedale di Canicattì, indagato a seguito della morte lo scorso 15 novembre di una donna di 62 anni che si recò in ospedale lamentando dolori all’emitorace con irradiazione alla spalla. Fu dimessa e morì dopo 11 ore. Secondo la Procura di Agrigento il medico sarebbe responsabile di non avere compiuto i dovuti accertamenti che avrebbero reso possibile la diagnosi di infarto acuto del miocardio. I familiari lo hanno denunciato tramite gli avvocati Calogero Li Calzi e Luigi Reale. Dall’autopsia è emerso che la donna è stata vittima di un infarto miocardico acuto associato a danno ischemico. Ad allarmare il medico avrebbero dovuto essere anche le patologie di cui è stata affetta la 62enne, ovvero diabete e ipertensione. Invece fu dimessa in codice verde senza che le fosse praticato nemmeno un elettrocardiogramma o un prelievo di sangue per gli esami di routine.