Sei mesi di reclusione per 4 medici dell’ospedale “San Giovanni di Dio” di Agrigento: Danilo Turco, Salvatore Napolitano, Francesco Buscaglia e Simona Fichera.Li ha chiesti la pm Margherita Licata davanti al giudice monocratico del tribunale di Agrigento per rispondere dell’ipotesi di lesioni gravi. Era il 2013 quando all’ospedale di contrada Consolida giunse una dodicenne di Casteltermini, proveniente da Mussomeli, con dolori all’addome. Secondo gli inquirenti si sarebbe trattato di una appendicite non curata al meglio tanto da portare ad un secondo intervento dopo pochi giorni dal ricovero a seguito di una sopraggiunta infezione.
L’avvocato della parte civile, Alessandra Fangano, ieri, ha evidenziato come non sia concepibile un mese di ricovero per trattare una appendicite. L’avvocato dei medici, Giusy Katiuscia Amato, ha respinto ogni accusa evidenziando la correttezza delle attività cliniche svolte. L’avvocato Amato ha evidenziatoe la completa estraneità ai fatti che sono stati contestati ai medici. La sentenza è prevista per il 28 ottobre.

Rispondi