Il ponte “Re”, uno dei più antichi viadotti della Statale 115, sito nella zona Lidi di Porto Empedocle, da oltre mezzo secolo è stato costruito, quasi interamente, su terreno di proprietà di privati senza alcun regolare provvedimento di esproprio. Mediante complesse ed articolate ricerche ipocatastali, i proprietari del fondo occupato, assistiti dall’avvocato Salvatore Butera, hanno acclarato la fattispecie occupativa da parte della pubblica amministrazione con l’irreversibile trasformazione del suolo e conseguente danno patrimoniale. A seguito di tale occupazione illegittima, l’Anas ha già avviato il procedimento di acquisizione dell’area che si concluderà con il pagamento di un indennizzo pari al valore venale del terreno a titolo risarcimento danni patrimoniali cagionati ai proprietari ed il passaggio del bene al Demanio dello Stato.

Rispondi