L’ex assessore regionale alla Sanità, Ruggero Razza, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Convocato dal procuratore aggiunto di Trapani, Maurizio Agnello, e dai sostituti Sara Morri e Francesca Urbani, Razza ha chiesto tempo per leggere gli atti dell’inchiesta, nel cui ambito gli è stato notificato un invito a comparire con avviso di garanzia. L’ex assessore è stato accompagnato dal suo legale, l’avvocato Enrico Trantino. Qualora Razza decidesse di rispondere in futuro, risponderà innanzi al giudice di Palermo a cui il fascicolo sarà trasferito per competenza territoriale.

Rispondi