Nottetempo a Gela, Niscemi, Comiso e Palermo i Carabinieri hanno eseguito, su disposizione del Tribunale di Gela, nove misure cautelari a carico di altrettanti indagati del reato di spaccio di stupefacenti. Una serrata e articolata indagine ha consentito di individuare diversi soggetti di Niscemi dediti allo spaccio di sostanze stupefacenti, tra i quali Rosario Arcerito, Nicholas Giuseppe Barone e Vincenzo Gerbino. Barone e Gerbino, il 14 maggio del 2019, sono stati arrestati in flagranza di reato perché sorpresi in possesso di 21 grammi di cocaina, che sarebbe stata acquistata poco prima da Giuseppe Domicoli. Seguendo Domicoli, i Carabinieri sono riusciti a individuare e arrestare molti altri spacciatori che si sarebbero riforniti da lui periodicamente, ovvero il comisano Antonio Lo Presti, i vittoriesi Vincenzo Frasca e Bruno Di Stefano, e il palmese Angelo Mangivillano. Nel corso delle indagini, durate circa tre mesi, sono state già arrestate in flagranza di reato 8 persone, sequestrando consistenti quantitativi di sostanza stupefacente.

Rispondi