Accogliendo le istanze dei difensori, gli avvocati Daniela Posante e Antonella Arcieri, il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Palermo, Lirio Conti, in ragione dell’affievolimento delle esigenze cautelari, ha revocato l’obbligo di dimora, mantenendo l’obbligo di presentazione alla Polizia giudiziaria, a Giuseppe D’Andrea, 49 anni, poliziotto assistente capo in servizio al Commissariato di Canicattì, già temporaneamente sospeso dal ministero dell’Interno, indagato nell’ambito dell’inchiesta antimafia cosiddetta “Xydi” per le ipotesi di reato di accesso abusivo a sistema informatico e rivelazione di segreto di ufficio.

Rispondi